Agricoltura alternativa: il prato è servito!

Agricoltura alternativa: il prato è servito!

Prato e business…

“Ai tempi in cui non esistevano ancora i sistemi di conservazione degli alimenti, le spezie valevano più dell’oro…(..)… A caccia di spezie andavano verso Oriente pirati, avventurieri, commercianti e conquistatori.(..)… Le erbe e le spezie sono l’anima della cucina, … (..).. perché trasformano qualsiasi piatto in un potenziale afrodisiaco…”. (I.Allende, Afrodita, 1997).

La grande serra_01
La grande serra
alessandroexpo2015
Alessandro a Expo 2015

Sembra prender vita il quadro “La cueillette des fleurs” di Renoir. Se chiudi gli occhi sei immerso nell’inebriante profumo dei fiori e delle erbe aromatiche che ti circondano. Siamo all’interno del vivaio di Alessandro e Massimiliano Magagnini; due moderni artisti del verde che hanno saputo riassumere nella loro attività i pregi che caratterizzano l’Italia e per i quali siamo famosi in tutto il mondo: la natura, il paesaggio, il cibo, il design, la genialità e perchè no, l’arte. Alessandro ci ha aperto le porte del suo mondo illustrandoci come sia riuscito a rielaborare in veste moderna, direi futuristica, tutto ciò che i suoi genitori e i suoi nonni hanno costruito e che rischiava di andar perduto. Il suo racconto è davvero affascinante. Ci troviamo nella Società Agricola il Fiore dei Fiori, situata sulle colline di Recanati, nella splendida campagna marchigiana, sublimata dal grande poeta Leopardi. Già a partire dagli anni‘70 l’intuizione del padre di Alessandro di convertire l’azienda di famiglia da agricola a vivaistica e in seguito in design di parchi e giardini è risultata vincente. Questa passione per le piante è stata trasmessa ai ragazzi, che hanno dedicato gli anni di studio al settore agrario, fino alla laurea in Progettazione di parchi e giardini. Passione che ha portato ad incrementare la già ricca collezione di piante rare da interni, di piante carnivore e aromatiche antiche con una collezione di oltre sessanta specie diverse, unica in Italia, di garofanini di montagna eduli (Dianthus Botanici). Incuriosisce vedere l’interesse e la profonda dedizione per questo minuscolo fiore.

D: Perché proprio il Dianthus?

La grande serra_04
La grande serra

R: Potrei chiamarlo un amore nato sui banchi di scuola. La mia tesi di laurea riguardava la ricerca sperimentale sull’evoluzione del vertical garden, in largo uso in nord Europa, sistema che utilizza anche tappeti di Sedum, piccola pianta carnosa, che protegge e coibenta i tetti delle case. La ricerca tendeva a trovare una pianta ornamentale che potesse convivere con il Sedum e che fosse altrettanto duttile e resistente alle variazioni ilpratoèservitofotoclimatiche. Ho trovato che il Dianthus appunto, rispondesse perfettamente alle mie esigenze: ottimo per la bassa manutenzione che richiede, resistente a temperature da sotto lo zero a più quaranta e al forte sole. Inoltre non necessita di molta acqua, gli bastano pochi centimetri di terriccio per vivere. Ha una copiosa e profumatissima fioritura (150 fiori a pianta) con un potenziale di inseminazione di 4000-5000 semi per piantina con un cento per cento di germinabilità. Germina addirittura in una notte. Ho proseguito la sperimentazione di questo abbinamento sino all’intuizione di un prato prêt-à-porter, ovvero un prato srotolabile, duttile e adattabile alle più varie esigenze. Innovativa è stata soprattutto la versione della tovaglia prêt-à-porter, caratterizzata dalla presenza di diverse tipologie di piante aromatiche sempreverdi, la cui peculiarità è rappresentata dalla totale commestibilità. Valore aggiunto del Sedum è che, essendo un sempreverde reperibile tutto l’anno, cambia colore dal verde acceso al rosso al giallo seguendo il ritmo delle stagioni, e ciò rende le nostre creazioni prêt-à-porter più affascinanti, sorprendenti e sempre nuove. Stimolante è per me cercare una evoluzione del prodotto per renderlo più pratico e poliedrico.

D: Dove ti ha portato questa ricerca?

Alessandro al lavoro
Alessandro al lavoro
BOX1mappafioredeifiori
L’ubicazione della Società agricola Fiore dei Fiori Poesia e Arte nei giardini

R: Ultimo esperimento ben riuscito è stata la nostra Green Cake, prodotto che ci ha dato la possibilità di esser presenti ad EXPO Milano 2015 e di vincere l’Oscar Green 2015 per la categoria We Green di Coldiretti Giovani Impresa. La Green Cake nasce come evoluzione innovativa del Prato prêt-à-porter. Quello che prima era una tovaglia da srotolare sul tetto o in giardino si è trasformata in una splendida torta, completamente commestibile, composta da piante aromatiche antiche originali servita in comodi vasi o in deliziose alzatine da torta in ceramica. Composizioni da presentare direttamente in tavola, nei ristoranti, per banchetti, buffet, feste ed aperitivi, dove si possono cogliere direttamente le erbe profumate a seconda dei propri gusti per insaporire ciò che si sta mangiando e bevendo; per esempio abbinando tra loro diverse erbe aromatiche a seconda del menù. La varietà è talmente vasta che si ha l’imbarazzo della scelta: dalla salvia all’ananas al basilico alla cannella o all’anice, dal rosmarino al limone al timo all’arancia, dallo zucchero azteco all’orchidea alla vaniglia e si può andare avanti all’infinito. Ho creato queste torte sfruttando il principio del tetto verde e del vertical garden: un bassissimo substrato coltivato in contenitori alti pochi centimetri, forati, dove la pianta di per sè adattabile modifica l’effetto degli olii essenziali in essa contenuti accentuandoli. Si forma così un giardino bonsai. Tutte le piante cooperano insieme e si aiutano a vicenda. Abbiamo ideato una versione della Green Cake antizanzare ecologica, composta da piantine carnivore. Un’ottima difesa dagli insetti durante le nostre serate all’aperto ed allo stesso tempo una gioia per gli occhi.

D: Qual è la vostra ricetta segreta per mantenere vivo l’interesse del cliente?

R: Il nostro punto di forza è che diamo ampio spazio all’innovazione. Ogni anno ci proponiamo di presentare nuovi prodotti, sempre qualcosa di particolare ed unico. Per fare un esempio sono già in produzione le nostre Green Cake per le feste: composizioni di sapori e colori a tema natalizio. Possiamo anticipare che è già in progetto per il 2016 un Green Cupcake tascabile. Si presenta in mini coppette gelato, personalizzabili. Dopo aver scelto dal menù on-line le piante aromatiche da abbinare, il proprio cupcake verrà recapitato a casa, una vera chicca. L’esperienza nel giardino botanico di Alessandro e Massimiliano è molto coinvolgente. L’entusiasmo di erbearomatichemix2Alessandro è contagioso tanto da trascinare nella sua passione l’intera comunità locale con percorsi didattici e tema green e attività di volontariato; e non stupisce il fatto che pur essendo così giovani, i Fratelli Magagnini abbiano ottenuto premi e riconoscimenti, tanto da esser diventati consulenti “del verde” persino in programmi televisivi a livello nazionale.

Di Federica Corridoni