Ecco cosa riserva Argo Tractors ad Agritechnica 2017

Ecco cosa riserva Argo Tractors ad Agritechnica 2017

Argo Tractors è pronta per il grande appuntamento con Agritechnica 2017: sotto i riflettori i due brand Landini e McCormick con focus rispettivamente sulla gamma specialistica e sui trattori del segmento utility e sull’alta potenza, dai modelli McCormick X8 fino alle rinnovate gamme dei segmenti Heavy, Medium e Light Utility

Il palco McCormick ad Agritechnica 2017

mc cormick x 8

La scena ad Agritechnica 2017 è per McCormick X8, al centro dell’attenzione in virtù delle prestazioni eccezionali, contenuti tecnologici all’avanguardia e look aggressivo. I tre modelli della serie, equipaggiati di motori 6 cilindri Betapower Fuel Efficiency Tier4 Final, sospesi su telaio portante, con potenze di 264 hp, 286 hp e 310 hp, sono dotati di trasmissione a variazione continua a quattro stadi con velocità di 40 km/h ECO a 1.300 giri/min motore e 50 km/h ECO a 1.600 giri/min. A sottolineare l’alto livello tecnologico dei McCormick X8 è l’equipaggiamento di serie del sistema certificato ISOBUS per gestire il funzionamento di attrezzature compatibili con questa tecnologia attraverso un menù dedicato e navigabile tramite il monitor touchscreen da 12” (DSM). Per l’agricoltura di precisione sono a disposizione i sistemi EazySteer ed il Precision Steering Management. Il potente impianto idraulico è a centro chiuso con pompa load sensing da 157 l/min (in opzione è disponibile una pompa maggiorata da 216 l/min) e può gestire fino a undici distributori (6 posteriori) da 140 l/min di portata a comando elettro-idraulico. Il sollevatore posteriore elettronico garantisce una capacità massima di sollevamento di 12.000 kg, mentre quello anteriore, anch’esso di serie, ha una capacità di sollevamento di 5.000 kg con Presa di Forza anteriore (a richiesta) da 1000rpm. La PdF posteriore ad innesto elettroidraulico offre di serie le tre velocità 540E/1000E/1000. L’assale anteriore è dotato di un sistema di sospensione a parallelogramma a controllo elettronico e dispone di freni a disco in bagno d’olio per garantire massima sicurezza e confort di guida. Di particolare rilievo è poi la cabina a quattro montanti dall’ottima visibilità, dotata di climatizzatore automatico, sistema di sospensione Semi Attiva anti damping, sedile a sospensione pneumatica, sedile istruttore a scomparsa, bracciolo multifunzione regolabile, sistema radio bluetooth e ampio vano refrigerato.

McCormick X7.6 Tier 4 Final

mccormick x7.6 tier 54
McCormick X7.6 Tier 4 final

Equipaggiato con nuovi motori 6 cilindri Betapower Fuel Efficiency Tier 4 Final e caratterizzato da un passo unificato in 2.820 mm. I cinque modelli X7.650; X7.660; X7.670; X7.680 ed X7.690 coprono potenze da 150 hp fino a 226 hp. Per migliorare la fluidità di marcia in trasporto aggiunto anche il pedale freno motore che, agendo sui gas di scarico, aumenta la performance in frenata. La trasmissione su questa gamma è disponibile sia nella versione VT-Drive (trasmissione a variazione continua fino a 195 hp), sia in quella P6-Drive (trasmissione Powershift fino a 226 hp). Quest’ultima prevede 5 gamme robotizzate, per 6 marce Powershift governate da una centralina elettronica dedicata. Grazie alla tecnologia di bordo, il sistema Smart APS (Smart Autopowershift) consente alla trasmissione P6-Drive, una volta definito il numero di giri motore da parte dell’operatore, di adattare automaticamente la gamma e la marcia più consone al valore impostato. Il sistema Stop&Action integra la funzione declutch nel pedale del freno, offrendo al P6-Drive una fluidità di marcia paragonabile a quella di un cambio a variazione continua. Incrementata a 160 l/min la portata idraulica al servizio del sollevatore da 9.300 kg di capacità e dei distributori (opzionabili fino a 7). Agli esclusivi allestimenti Premium con elevate specifiche si affiancano gli Efficient che, a parità di motorizzazioni e trasmissioni al top, offrono dotazioni da entry level. Aggiornamenti anche per il software, governato dal Data Screen Manager (DSM), che ora annovera più funzionalità: una retrocamera posteriore per una migliore visibilità sulle attrezzature collegate e maggiori informazioni per la modalità trasporto, avanzati automatismi di fine campo e maggiori informazioni dal computer di bordo. Per migliorare ulteriormente il comfort dell’operatore introdotto un nuovo sistema di sospensione della cabina Semi-Active Cab Suspension, con centralina elettronica in grado di fornire un’azione automatica ed immediata degli ammortizzatori quando al lavoro su terreni sconnessi, a garanzia di maggiori comfort e qualità di vita a bordo del mezzo.

McCormick X 7.4 Tier 4 Final

Anteprima mondiale ad Agritechnica 2017 per i modelli con motore a 4 cilindri, ora nella versione Tier 4 Final con potenze di 147 hp, 160hp e 176hp e caratteristiche rispondenti alla normativa Europea Mother Regulation. Mantenuto il motore strutturale, che determina un passo del trattore contenuto (2.600mm) a vantaggio di un’eccellente maneggevolezza del mezzo ed il sistema di post-trattamento SCR, addizionato ad un catalizzatore DOC. La trasmissione è disponibile sia nella versione continua VT-Drive, sia nella versione P6-Drive con 6 marce powershift su 5 gamme robotizzate: completando l’offerta col creeper si contano 54 marce sotto carico. Il cambio è gestito elettronicamente tramite bracciolo multifunzione e dispone, in tutte le gamme, della funzione di cambio automatico APS (Auto Powershift). La P.d.F. posteriore ad innesto elettroidraulico offre di serie quattro velocità 540/540E/1000/1000E. La gestione elettronica dell’innesto garantisce sempre un avvio graduale degli attrezzi a vantaggio del comfort e della buona manutenzione della trattrice e degli attrezzi. L’impianto idraulico migliorato (160 l/min in opzione) garantisce l’utilizzo di più attrezzature idrauliche in contemporanea. La cabina beneficia del sistema opzionale di sospensione della cabina Semi-Active Cab Suspension, per un comfort di lavoro di alto livello. McCormick X6.4 Tier 4 Final: disponibile in 3 modelli con potenze di 121hp, 133hp e 140hp garantite da motori a 4 cilindri Betapower Fuel Efficiency da 4.500cm3 emissionati Tier 4Final con sistema SCR di post trattamento dei gas, offre diverse opzioni di trasmissione: VT-Drive di realizzazione Argo Tractors (variazione continua a 3 stadi) e Powershift con 3 marce sotto carico (48 + 16 con Creeper). La gamma è dotata di PTO elettro-idraulica a 4 velocità con innesto automatico, di un sollevatore posteriore con capacità di 5.400 kg e di un circuito idraulico opzionale a centro chiuso da 110 l/min. Il comfort nelle operazioni in campo e trasporto è assicurato dalle opzioni di assale anteriore con sospensione a bracci indipendenti e dalla sospensione meccanica della cabina. Proprio la cabina è realizzata secondo gli standard più elevati in termini di ergonomia, silenziosità e visibilità a 360°, in linea con i prodotti della fascia di gamma più alta.
A garantire il controllo delle funzionalità del VT-Drive sono il bracciolo multifunzione ed il monitor DSM touch screen da 12”.

McCormick X6

X6.4 con un peso di 5.200 Kg ed una massa massima ammissibile di 8500 Kg, è caratterizzato da un passo di 2,54 mt e si propone con pneumatici posteriori da 34” e 38”, ideale come Utility heavy duty anche in combinazione con sollevatore anteriore e con caricatore frontale. McCormick X6.55: con motore Deutz da 3,6 litri Tier 4 Final è l’erede del McCormick X5.
Questo modello si presenta con una potenza massima di 126 hp e offre due tipi di trasmissione con inversore idraulico: 12+12 o 36+12 con HML. Elevate prestazioni per il sollevatore posteriore con capacità di sollevamento di 6.000kg e per il circuito idraulico a centro aperto da 66 l/min. La gamma, in regola secondo la Mother Regulation, si completa con i modelli X6.45 ed X6.35 con potenze massime rispettivamente di 119hp e 110hp. Per questa gamma aumentata la ruota massima posteriore disponibile, da 34” a ben 38”. Tra le nuove opzioni una sospensione a due punti meccanici della cabina e la predisposizione per gli innovativi sistemi Isobus e di assistenza satellitare alla guida.

McCormick X5 Tier 4i

Nel segmento “Medium Utility” e inclusiva di omologazione per trattore specialistico, McCormick presenta per i mercati CEE la nuova serie X5 con motore Deutz da 3,6 litri Tier 4 Interim con solo catalizzatore DOC e privo di SCR. La gamma, derivata da McCormick X50M e disponibile nelle 3 potenze 99hp, 107hp e 113hp, è dotata di trasmissione 12+12 con Hi-Lo e creeper opzionali, inversore meccanico o idraulico, e un potente impianto idraulico da 60 l/min. Il sollevatore posteriore è controllabile dall’ELS (Ergonomic Lift System) ed offre una capacità di sollevamento di 4500 Kg. Le dimensioni compatte (passo 2,36mt) ed il peso di 3800 Kg, associati a pneumatici posteriori da 34”, lo rendono il trattore ideale nelle attività tipicamente aziendali, anche con caricatore frontale disponibile in opzione. McCormick X4: una gamma funzionale, robusta e compatta, ideale per la fienagione, equipaggiata di motori Deutz Tier 4 Final. La trasmissione è meccanica a 4 marce e 3 gamme (con superriduttore da 300mt/h in opzione), a completare l’offerta sono disponibili l’inversore elettroidraulico in aggiunta all’opzione Underdrive portando il numero totale di velocità a 32+32. X4 è dotato di innesto DT a comando elettroidraulico, di PdF indipendente e sincronizzata a 2 velocità, di impianto idraulico a centro aperto con portata di 49 l/min al servizio dei distributori, opzionabili fino a 3 posteriormente, in aggiunta ai 2 anteriori pilotabili via Joystick e di un sollevatore posteriore con capacità massima fino a 3400 Kg. Su richiesta il sollevatore può essere controllato dal sistema Ergonomic Lift System (ELS), che permette di velocizzare e facilitare le operazioni alza/abbassa. La cabina di serie offre il massimo comfort grazie all’ergonomia particolarmente accurata dei comandi ed al pianale piatto. La gamma è omologata in funzione della normativa Mother Regulation: PTO elettroidraulica, sistema frenante con disco aggiuntivo, nuovo impianto di frenatura idraulica rimorchio.

Landini ad Agritechnica 2017, partiamo da Rex 4

Landini Rex GT
Landini Rex GT

Nelle versioni con cabina V, GT ed F, si presenta con importanti innovazioni, a partire dai motori a 4 cilindri Deutz Tier 4 Interim da 2,9lt (TCD L4) senza dpf ma dotati di soli EGR e DOC; di serie il dispositivo Engine Memo Switch per memorizzare il numero di giri del motore. Le potenze massime a 2.200giri/min dei 6 modelli partono da 70 HP per arrivare a 112 HP. Con serbatoi carburante da 80 lt e 90 lt. La trasmissione di produzione Argo Tractors è dotata di inversore meccanico o idraulico e di 4 marce per 3 gamme con possibilità di aggiungere due opzioni: Hi-Lo e High-Medium-Low, oltre al superriduttore. Disponibile nelle versioni a 2 e a 4 ruote motrici, Landini REX 4 offre più opzioni di presa di forza, meccanica o idraulica e con due o addirittura quattro regimi di velocità (540, 540 Eco, 1000 e 1000 Eco).  Tra i punti di forza della gamma la versatilità dell’impianto idraulico disponibile sia con pompa doppia 28+50 l/min, sia con pompa tripla 28+41+41 l/min. L’impianto è completato da distributori ventrali, selettore di flusso e divisore di flusso (opzionali). I distributori possono essere a comando meccanico (3) e/o elettro-idraulico (fino a 7). La massima capacità di sollevamento raggiunge ben 3.400kg. Rex 4 presenta un look rinnovato e dinamico: la cabina ridisegnata nell’estetica e nell’ergonomia offre un posto guida ottimizzato, un tunnel centrale appiattito, alta visibilità anteriore per un ottimizzare l’uso di attrezzature frontali (ad es. cimatrici) e finiture di altissimo livello. Disponibile l’opzione “Categoria di protezione 4”, con un ambiente pressurizzato e controllato da sensori per la massima protezione dell’operatore nella distribuzione di fitofarmaci. Landini REX 4 mantiene inalterate le caratteristiche di manovrabilità, con dimensioni compatte ed un angolo di sterzo di 55°. La versione V, arricchita di modelli ed opzioni, dispone di un assale High Pivot dedicato con basculamento maggiorato per agevolare la sterzata. L’assale anteriore delle versioni F e GT, oltre alla versione rigida con innesto 4WD e bloccaggio differenziale elettro-idraulici, introduce per la prima volta anche un sistema di sospensione centrale. A conferma della vocazione mista “frutteto largo-campo aperto compatto”, la versione GT offre pneumatici posteriori da 30”, in aggiunta a quelli da 24”, 28”.

Landini Serie 2 è il polivalente, impiegato anche per la cura del verde e per le municipalità

La gamma si declina nei tre modelli 2-045, 2-050, 2-060 STD o GE con motori Yanmar da 44 a 55 HP. Design accattivante per la cabina con una rinnovata disposizione dei comandi a favore del comfort operativo.

Landini serie 2

Landini Serie 4D con cabina

Tre i modelli, 4-070D, 4-080D, 4-090D, con potenze massime rispettivamente di 68hp, 75hp, 88hp sono disponibili a 2 e 4 ruote motrici, con motorizzazioni Deutz Tier 4 Final.
La trasmissione Made in Italy by Argo Tractors è di tipo meccanico a 4 marce e 3 gamme (con superriduttore da 300mt/h in opzione); è dotata di innesto DT a comando elettroidraulico nelle versioni 4RM, di PdF ad 1 o 2 velocità e sincronizzata, di impianto idraulico a centro aperto con portata di 45 l/min. al servizio di sollevatore e distributori, di un sollevatore posteriore con capacità massima fino a 3.400 Kg con cilindro supplementare e di 1 distributore di serie più 2 in opzione. Su richiesta il sollevatore può essere controllato dal sistema Ergonomic Lift System (ELS), che facilita le operazioni alza/abbassa.

Chiude la panormaica la Serie Super

Si tratta della gamma destinata ai mercati Extra Cee, ingloba le specifiche di prodotti già noti nei mercati non emissionati. Di produzione 100% Made in Italy, la Serie Super, oltre ad offrire un look aggressivo ed in linea con il moderno Family Feeling Landini, riunisce doti di potenza, affidabilità e versatilità con l’obiettivo di ottenere performance elevate in diverse operazioni colturali. Ben dieci i modelli equipaggiati con motori Perkins da 4,4 litri emissionati Tier 0, Tier 2 e Tier 3, con potenze da 75hp a 106hp, trasmissioni 12+4, 12+12 o 24+12 (con creeper) e PdF sincronizzata. La capacità di sollevamento può raggiungere i 4.500 kg e fino a 2 distributori a comando meccanico serviti da una pompa da 52l/min per i servizi e 20l/min per lo sterzo. Oltre alla versione con telaio di sicurezza viene poi messa a disposizione per modelli Tier 0 e Tier 3 una cabina originale Argo Tractors derivata dal noto Powerfarm, dotata di ogni comfort e con standard qualitativi europei.

Landini Landforce

due i modelli disponibili, Landforce 115 e Landforce 125 con potenze rispettivamente di 112 e 120 CV, disponibili sia in versione piattaforma, sospesa su silent block con arco di protezione abbattibile, sia con cabina. Sempre nell’ambito dei mercati extra europei, una gamma concettualmente robusta, facile da utilizzare, di semplice manutenzione e con grande autonomia di lavoro. Un affidabile e robusto motore FPT NEF 4.5L a 4 cilindri Tier3 abbinato ad una trasmissione meccanica base di 12AV+12RM o 36AV+12RM con inversore idraulico in opzione, semplice e robusta, permette ottime prestazioni per più ore di lavoro. Innesto elettro-idraulico della 4WD e del bloccaggio differenziale rendono questo trattore facile da guidare durante l’utilizzo di qualsiasi attrezzatura. Il sollevatore posteriore meccanico ha una capacità di sollevamento 4500 kg con due cilindri supplementari. L’idraulica assicura 66l/min nella versione a centro aperto e ben 110l/min in quella a centro chiuso.

Fonte: Argo Tractors