Piemonte: nuovo bando per agriturismo

Piemonte: nuovo bando per agriturismo

Con la Determina Dirigenziale 1068 del 30 Ottobre 2017 la Regione Piemonte ha varato la prima misura di finanziamento, un bando per agriturismo, per la corrente programmazione regionale PSR, della misura 6.4.1, dedicata alla creazione e sviluppo di attività extra-agricole sul territorio. Il bando è stato aperto il 20 Novembre e ha scadenza il 28 Febbraio 2018: la dotazione finanziaria è di ben 5,8 milioni di euro, il finanziamento è appunto dedicato a sostenere la realizzazione di attività connesse e/o complementari nelle aziende agricole, ovvero agriturismi, fattorie didattiche e ospitalità per salariati avventizi. I beneficiari possono essere dunque agricoltori o coadiuvanti famigliari, in possesso di partita IVA riferita al settore agricolo e di iscrizione alla CCIAA (salvo esenzioni). L’agevolazione, come per gli altri bandi “strutturali”, è un contributo in conto capitale del 40% (elevabile al 50% per giovani e per aziende in aree montane); attenzione che questo contributo rientra nel regime “de minimis”, ovvero con un massimale di 200.000€ in un triennio. La spesa minima ammissibile a bando è di 25.000€, e sono ammissibili diversi interventi.

Bando per agriturismo in Piemonte: quali sono gli interventi ammissibili?

Il bando per agriturismo in Piemonte in particolare ritiene ammissibili ristrutturazioni, restauri, risanamenti del fabbricato, con una superficie massima di 100 metri quadrati; impianti idrici, termici ed elettrici per un valore massimo del 40% della spesa totale per le ristrutturazioni; acquisti di attrezzature per la preparazione di pasti entro un importo massimo pari al 30% della spesa totale per le ristrutturazioni. Non è quindi possibile presentare una domanda nel bando per agriturismo solo per l’acquisto di attrezzature. Tutti gli investimenti dovranno essere realizzati successivamente alla domanda di sostegno, ed entro un limite di 12 mesi (18 per le zone di montagna), con la possibilità di richiedere una proroga ulteriore di 6 mesi per giustificati motivi.

Più informazioni sui finanziamenti della Regione Piemonte sono disponibili qui