Lamborghini Mach VRT e Spark, i belli di famiglia

Lamborghini Mach VRT e Spark, i belli di famiglia

Same, Deutz-Fahr e Lamborghini: da sempre il trattore “in bianco” è il più bello della famiglia SDF. E la consueta bellezza dei trattori Lamborghini non si smentisce con le nuove generazioni di Lamborghini Mach e Spark presentate in anteprima ad Agritechnica lo scorso novembre. Il profondo restyling, condotto seguendo i canoni del family feeling Deutz-Fahr, si è concretizzato in una nuova generazione di trattori che, stilisticamente, hanno ancora una volta dimostrato quanto una macchina da lavoro possa essere bella oltre che prestazionale. Questi tratti si incarnano soprattutto sull’ammiraglia Lamborghini Mach che nelle potenze elevate si completa con i nuovi Mach 230 VRT e Mach 250 VRT con potenze, rispettivamente, di 226 e 246 CV.

Linea unica per Lamborghini Mach

nuovi trattori lamborghini ad Agritechnica

L’elegante livrea bianco Lamborghini e il look esclusivo permettono al Lamborghini Mach VRT di distinguersi per lo stile che, possiamo affermarlo, è unico a sé e non richiama nemmeno lontanamente ad altre macchine di competitor. La nuova serie Lamborghini Mach VRT piace non solo per le linee raffinate e moderne. Ad esse si abbina un elevato livello qualitativo negli assemblaggi, la grande affidabilità e la tecnologia al top impiegata sulle macchine di alta fascia del gruppo SDF.

Tedesco nel cuore…

nuovi trattori lamborghini machLa nuova Serie Mach VRT monta il Deutz 6.1 Stage IV che è più reattivo, eroga una maggiore riserva di coppia ed è ancor più parsimonioso nei consumi rispetto alla generazione precedente. L’SCR e un filtro antiparticolato diesel passivo (DPF) effettuano il posttrattamento dei gas di scarico, consentendo al Mach VRT di rispettare le più recenti e severe norme antinquinamento. Rispetto ai più diffusi filtri antiparticolato, il vantaggio di questa soluzione risiede nella non necessità di rigenerazione periodica con iniezione supplementare di gasolio, risparmiando in tal modo combustibile e generando meno calore nel sottocofano. L’efficienza del motore è ulteriormente esaltata dalla ventola di raffreddamento Electronic Visco.

…e nel cambio

Grazie a 4 rapporti meccanici, la trasmissione ZF a variazione continua montata sui Mach risulta altamente efficiente e confortevole in molti frangenti operativi. È progettata per far viaggiare il trattore a 60 km/h (ove concesso dal codice stradale) con un regime economico del motore, ma al contempo può far avanzare la macchina o soli 200 metri all’ora con il motore al massimo regime. Per la miglior efficienza dell’insieme in tutte le condizioni operative, le centraline di gestione di motore e trasmissione “dialogano” continuamente tra loro, per il massimo risparmio di combustibile in tutti i frangenti. Inoltre, la funzione Trailerstretch aumenta la sicurezza di guida con i rimorchi.

Doppia scelta per l’idraulica dei Lamborghini Mach

La pompa Load sensing di serie è da 120 l/min, ma in opzione si può avere una versione da 160 l/min. Un’ulteriore pompa indipendente è dedicata all’idroguida. Sono disponibili fino idraulica trattori lamborghinia 5 distributori idraulici posteriori più altri due anteriori, tutti comandati elettronicamente e in modo proporzionale. La capacità massima del sollevatore posteriore è di 10.000 kg; a richiesta è possibile montare anteriormente il nuovo sollevatore anteriore, con controllo di sforzo e posizione e capacità di sollevamento che può arrivare a 5.480 kg.

Isolata dal motore

cabina maxivision nuovi trattori lamborghini mach

La nuova cabina MaxiVision 2 è ora disaccoppiata dal cofano motore e garantisce un livello elevatissimo di comfort (minori vibrazioni e rumore), facilità d’uso ed ergonomia. Il tetto panoramico è disponibile in 3 diverse configurazioni, il nuovo Info- Centre con display a colori da 5” e il bracciolo con un nuovo joystick multifunzione permettono all’operatore di controllare e regolare comodamente la velocità e la direzione della macchina nonchè l’operatività dei sollevatori posteriore e anteriore, mentre numerose altre funzioni di automazione sono gestite tramite il ComfortTip. La nuova Serie Mach VRT è predisposta per l’ISOBUS e per il Precision Farming avanzato, gestibili anche attraverso l’iMonitor2 da 12”. In opzione è possibile installare, un monitor da 8”, due telecamere indipendenti, un pacchetto luci LED da 40.000 lumen combinate in 4 gruppi ottici e integrare l’intero sistema con soluzioni per gestione e trasmissione dati wireless.

Il rinnovo-gamma di Lamborghini ha riguardato anche il segmento di media potenza, quello della gamma Spark

lamborghini spark vrt

Questa si amplia comprendendo ora nuovi modelli Spark 120, 130 e 140, equipaggiati con i motori FARMotion 4 cilindri di ultima generazione. La produttività degli Spark è garantita, grazie alle trasmissioni con l’Automatic Powershift, l’inversore idraulico con Stop&Go, lo SpeedMatching, il dispositivo ComfortClutch e il nuovissimo Hydraulic Engine Brake (HEB), che aumenta la sicurezza nella marcia su strada e al contempo diminuisce l’usura dei freni. Sulla rinnovata gamma sono ora disponibili interessanti optional, come il radar per il monitoraggio in continuo dello slittamento, la gestione automatica del bloccaggio dei differenziali e dell’innesto della trazione anteriore, la sospensione dell’asse anteriore e della cabina, la guida automatica satellitare Agrosky con iMonitor da 8” e diverse linee di frenatura per il rimorchio (sia idrauliche che pneumatiche).

La gamma Spark si arricchisce inoltre di ben 9 ulteriori modelli nella fascia di potenza compresa tra 156 a 226 CV

La gamma offre in questo segmento un livello di configurabilità grazie alla possibilità di scegliere tra motori a 4 o 6 cilindri, tre differenti tipologie di trasmissione, differenti configurazioni di impianto idraulico e vari livelli di allestimento delle cabine MaxiVision. In ogni caso i propulsori Deutz a quatto o sei cilindri con l’adozione congiunta del DOC, dell’SCR e di un DPF passivo (cioè con rigenerazione e manutenzione ridotte al minimo) è conforme allo Stage IV. Oltre al passo contenuto in soli 2.543 mm sulle versioni a 4 cilindri e 2.767 o 2.848 per quelle a sei, nonché e ad un carico massimo ammissibile che in funzione dei modelli varia da 11.500 a 13.500 kg, i nuovi Spark 155-215 garantiscono una spiccata manovrabilità. Si tratta di modelli disponibili sia con trasmissioni VRT a variazione continua, sia con le Powershift a 6 stadi (con SpeedMatching), sia con le neonate RCshift completamente robotizzate. Anche le dotazioni in termini di PTO assicurano la massima scelta, grazie alla disponibilità di tutte le 4 standardizzazioni esistenti sul mercato (540, 540 ECO, 1000 e 1000 ECO), naturalmente con l’innesto elettroidraulico proporzionale. All’anteriore la PTO è disponibile in opzione, sia in modalità 1.000 giri/min sia in quella 1000 ECO. Tutta nuova l’idraulica con una pompa dedicata esclusivamente al circuito di sterzo da 42 l/min (Load Sensing nelle versioni dotate di guida satellitare Agrosky) e offre diverse opzioni per la pompa principale (si parte da una pompa a ingranaggi da 84 l/min fino ad arrivare a portate di 120, 160 o 170 l/min con pompe Load Sensing). Il sollevatore posteriore a controllo elettronico EHR ha una capacità massima di 9.200 o 10.000 kg (in funzione dei modelli) e offre di serie la modalità di interramento rapido, lo smorzamento delle oscillazioni nel trasporto di attrezzature portate, il blocco su una posizione predefinita, la limitazione dell’altezza di alzata dell‘attrezzo e la regolazione della velocità di abbassamento. La capacità massima del sollevatore anteriore opzionale è di 4.110 o 5.480 kg. Il comfort è ulteriormente incrementato dalla sospensione anteriore opzionale di tipo idropneumatico a controllo elettronico, grazie anche a funzioni integrate quali il controllo adattativo della rigidezza in funzione delle condizioni di marcia, l’autolivellamento in funzione del carico, l’antidive e l’anti-rise (che irrigidiscono la sospensione in fase di frenata ed accelerazione per diminuire i trasferimenti di carico all’anteriore e per aumentare il comfort di marcia), e l’anti-damping, che smorza l’eventuale beccheggio che può insorgere nella marcia veloce su strada. Il posto di guida è implementato con i nuovi InfoCentrePro, nonché dalla disponibilità in opzione degli iMonitor da 8” o da 12”. Comfort a bordo, grazie alle sospensioni meccaniche per la cabina, incrementabile questo con le sospensioni pneumatiche (a richiesta) e con i nuovi sedili a sospensione pneumatica e posizionamento automatico.