Revisione delle macchine agricole: riparliamone…

Revisione delle macchine agricole: riparliamone…

Il 1 gennaio 2018 avrebbe dovuto segnare l’inizio delle prime revisioni delle macchine agricole. Ma è ancora tutto fermo. Perché?

revisione macchine agricole 2018

Chiunque sia minimamente connesso al settore agricolo lo sa: dopo anni di rinvii, rimpalli, incomprensioni, comprensioni, sul tema revisione delle macchine agricole qualche passo in avanti era stato fatto

Tanto che dal primo gennaio 2015, con una legge ad hoc, erano state delineate date (1 gennaio 2018), scadenze (le prime macchine ad andare in revisione sono quelle ex ante 1973), qualche certezza (poche, per la verità). Ed è proprio quest’ultimo il punto: oggi, nonostante il 1 gennaio sia trascorso da qualche tempo, è ancora tutto fermo perché manca il decreto attuativo, il secondo a essere precisi (il primo è datato 5 maggio 2015), ossia il rifermento normativo che dovrebbe delineare le modalità di attuazione della revisione delle macchine agricole. Il che, chiaramente, rende inapplicabile il tutto. D’altro canto, c’era da aspettarselo.

Il tema che ha ostacolato la messa a punto della revisione delle macchine agricole, è sempre stato questo: quali criteri concreti adottare per farla?

revisione trattori e mezzi agricoli normativaI Ministeri coinvolti – Trasporti e Politiche agricole (in parte quello del Lavoro coinvolto per il discorso della sicurezza) – e più in generale gli stakeholder del settore, non sono mai stati unanimi nel dare una risposta concreta perché, in effetti, non è semplice immaginare l’iter corretto. Non è semplice, ma non è impossibile: presa coscienza del fatto che sia difficile spostare le macchine presso le (poche) sedi della motorizzazione, negli anni sono stati ipotizzati il ricorso a unità mobili o il coinvolgimento di officine convenzionate, in modo da rendere possibile la revisione a chilometro zero, senza addentrarsi in problematiche legate alla codice stradale. Certo si dovrebbe computare anche l’aspetto dei costi – le officine mobili costano, è indubbio – ma al momento è di fatto inutile. Finché non si trova la strada giusta, non ha senso ipotizzarli. Va detto, però, ma senza allarmismi, che a quanto pare risulterebbero essere più alti rispetto ai costi che si sostengono per revisionare un qualsiasi altro veicolo, proprio per le complicanze di cui sopra.

Paradossi made in Italy

Tornando a oggi, dunque, la situazione è questa: il 31 dicembre 2017 è scaduto il termine entro il quale le macchine agricole immatricolate prima del 31 dicembre 1973 avrebbero dovuto fare la revisione. Certo stiamo parlando di mezzi che hanno compiuto 45 anni e pertanto in circolazione non ce ne sono tantissimi (ma nemmeno pochi). Pochi o tanti che siano, in ogni caso, la situazione (assurda!!) è la seguente: dal primo gennaio 2018, i possessori dei trattori suddetti – quelli cioè ex ante 1973 – non sono a posto con la normativa. Ma non per colpa loro. Il prossimo step (fissato per il 31 dicembre 2018), però, comprende le macchine immatricolate dal 1 gennaio 1974 al 31 dicembre 1990. Qui i numeri cambiano, crescono, iniziano a essere parecchio importanti. E il 31 dicembre 2018 è alle porte.

Ma, nel concreto, a che cosa vanno incontro gli agricoltori?

Si può comunque essere oggetto di controlli? E se sì, che cosa succede? Il buon senso direbbe che, al momento, nessuna sanzione deve essere ingiunta dalle forze dell’ordine. Inutile girarci intorno, ma la legge così com’è non è applicabile e non è colpa degli utenti. Eppure nei giorni scorsi si è saputo di una storia tutta italiana: un agricoltore di Vicenza è stato fermato dalle forze dell’ordine a bordo del proprio trattore immatricolato negli anni antecedenti al 1973. Gli è stata chiesta la revisione e, ovviamente, lui ne era sprovvisto.  Stessa cosa per un agricoltore del Varesotto lo scorso mese: entrambi sono stati sanzionati con un’ammenda di 85 euro.

Non servono commenti.