Macchine e attrezzature per il verde: mercato stabile nel 2017

Macchine e attrezzature per il verde: mercato stabile nel 2017

Le vendite di macchine e attrezzature per il verde e per il giardinaggio hanno segnato a fine 2017 una modesta contrazione (-0,6%) rispetto all’anno precedente.

I dati relativi alle singole tipologie evidenziano come la lunga siccità, che ha caratterizzato l’annata riducendo l’attività vegetativa delle piante, abbia penalizzato le tradizionali macchine per le manutenzioni, in particolare rasaerba, motoseghe e decespugliatori

I dati di mercato sulle macchine e attrezzature per il verde  sono stati elaborati dall’associazione italiana dei costruttori Comagarden e dal gruppo di rilevamento statistico Morgan

Nel 2017 sono state vendute macchine per un totale di 1.220.632 unità. Il dato comprende ogni tipo di macchinario, dai mezzi semoventi alle attrezzature motorizzate, fino ai più semplici strumenti manuali. In termini percentuali questo volume di vendite segna un calo dello 0,6% rispetto alle 1.227.484 unità del 2016, determinato in buona misura dall’andamento meteorologico. La lunga siccità che ha colpito il Paese, determinata da una diminuzione delle precipitazioni di oltre il 30% rispetto alla media storica – spiega l’ufficio statistico di Comagarden – ha infatti rallentato considerevolmente l’attività vegetativa delle piante, comportando una riduzione della domanda di macchinario. Questo appare evidente nel caso dei rasaerba, che risultano in calo del 4,5%, dei decespugliatori, che accusano una flessione del 3%, dei trimmer (-2,2%), dei biotrituratori (-9%), nonché delle motoseghe (-1,5%).

In crescita risultano invece quelle tipologie di macchine che non sono strettamente legate alla gestione della biomassa vegetale e che possono avere impieghi polivalenti, vedi i trattorini, che incrementano le vendite del 7,3%, e i soffiatori/aspiratori (utilizzati anche per le pulizie e le manutenzioni nei contesti urbani) che segnano un attivo del 15,9%. Nell’ambito dei rasaerba risultano in controtendenza quelli robotizzati

I trattorini robotizzati, pur rappresentando una quota bassa del totale (circa il 7%) chiudono il 2017 con un incremento molto marcato rispetto all’anno precedente (+18,5%). In termini di unità, la tipologia di macchine numericamente più consistente è quella delle motoseghe (340 mila pezzi venduti), seguita dai rasaerba (267.197) e dai decespugliatori (248.460). Così come la carenza di piogge ha influito sulle attività di manutenzione e quindi sul mercato delle macchine, altrettanto le abbondanti precipitazioni nevose che si sono verificate in alcune aree del Paese hanno spinto la domanda di spazzaneve, che chiudono con una crescita consistente, pari al 29,1%, in ragione di 5.195 unità contro le 4.024 dell’anno precedente.

Prime riflessioni sul 2018

L’andamento meteorologico – spiega Comagarden – è destinato a condizionare il mercato anche nel corso del 2018, e l’ondata di freddo e maltempo che ha caratterizzato i primi mesi dell’anno potrebbe aver compromesso alcune manutenzioni tipiche di questa stagione con riflessi negativi sulla domanda di macchinario. La seconda variabile da considerare è l’andamento generale dell’economia: se dovesse confermarsi quella ripresa che ha caratterizzato il 2017, questo avrebbe influenza sugli investimenti per l’acquisto di macchinario da parte di amministrazioni pubbliche, di gestori di impianti e della platea degli appassionati e cultori del gardening. Se così non dovesse essere, il mercato sarà orientato ad una maggiore prudenza.