Case IH Farmlift 935: come porto in alto l’azienda

Case IH Farmlift 935: come porto in alto l’azienda

Da non molto tempo CASE IH è entrata nel segmento delle macchine per la movimentazione agricola e l’ha fatto con una gamma di telescopici prevalentemente con trasmissioni powershift, per soddisfare quei clienti alla ricerca di macchine performanti, semplici per utilizzo e manutenzione e ad un prezzo accessibile. Con il CASE IH Farmlift 935, modello che si pone in testa alla gamma, in particolare, CASE IH entra in quella fascia dove è importante garantire una buona capacità di sollevamento e l’altezza dei 9 metri, senza però esagerare nelle dimensioni e quindi perdere di manovrabilità. Caratteristica, quest’ultima, che viene notevolmente ridotta quando si cresce in capacità di sollevamento, soprattutto nel divario che separa i 35 dai 50 e più quintali, proprio a causa della crescita del telaio per peso e dimensioni

sollevatore telescopico case ih
Il Test in Campo si è svolto presso l’Azienda Agricola Fedeli, in località Cascina Resentera, Locate di Triulzi, in provincia di Milano. Il test è avvenuto con una benna da 2,6 m3 per la movimentazione
di materiali sfusi pesanti, terra e ghiaia, e con una forca da balloni.

Case IH Farmlift 935, impressioni

sollevatori agricoltura

braccio telescopico case ih sollevatoreUn “tele palestrato” a prima vista, sia per braccio sia per stazza. È infatti più alto e più lungo (dai 300 ai 450 mm, a seconda dei modelli) di un telehandler della sua categoria. Questo lo rende molto stabile quando si movimentano carichi pesanti: ghiaia, terra e tutti gli impegni gravosi non spaventano il Farmliflt 935. La sua vocazione la si percepisce anche dalla disponibilità di un unico allestimento: viene venduto esclusivamente con il powershift per garantire la massima trazione; un grosso vantaggio rispetto ai modelli con trasmissione idrostatica. La reattività con cui si riesce lavorare è eccellente: il cambio è grintoso e i passaggi di rapporto avvengono con precisione chirurgica, soprattutto in fase di inversione di marcia. Quando si cerca un’accelerazione rapida si raggiungono in brevissimo spazio i 20-25 km/h. Più lenta invece l’accelerazione alle alte velocità fino ai 35 km/h. In prima marcia, però, se diventa necessario lavorare ad alti regimi per alimentare la pompa idraulica, il telescopico non rimane mai completamente fermo, neanche con il pedale del freno premuto a fondo.

Con i comandi tra le mani si percepisce da subito un’ottima sensibilità della macchina, in tutti i movimenti del braccio e della guida. Tutto questo grazie anche al joystick elettroproporzionale che permette di avere un ottimo controllo, quasi millimetrico, sulla movimentazione. Un’altra ottima caratteristica è proprio la semplicità che si può facilmente riscontrare nell’utilizzo della macchina: non servono istruzioni e chiunque abbia utilizzato un telescopico può gestire in modo molto rapido tutte le funzioni del 935: i comandi sono intuitivi e alcuni parametri, come l’allineamento dello sterzo, non necessitano di  spiegazioni.

Quest’ultimo è di ottima concezione: si può optare tra le quattro ruote sterzanti, due all’anteriore o avanzamento disassato e il passaggio tra le tre modalità è gestito con un selettore a rotella, da girare nel momento in cui i led dell’allineamento si accendono (sono due, uno per le ruote anteriori e uno per le posteriori). I sistemi di sicurezza monitorano costantemente il limite di carico e l’operatore può controllare sul monitor quando si sta per perdere la stabilità e di conseguenza calibrare i movimenti prima di mandare l’impianto in blocco. Il braccio si compone di due sfili, è mosso da un pistone idraulico principale assecondato da un cilindro ausiliario e la testa di attacco delle attrezzature rimane sempre parallela al terreno grazie al cinematismo con compensazione idraulica. La portata idraulica è pienamente rapportata alle caratteristiche del Farmlift 935 e si possono percepire sforzi solo quando si richiede il 100% della potenza idraulica, nel momento in cui si movimentano carichi pesanti.

Cabina

cabina case ih farmlift

Cabina ampia, molto bene la postazione dell’operatore e in generale tutto quello che lo circonda, dal volante regolabile in inclinazione all’aria condizionata fino alla radio. Nel cruscotto il riquadro dedicato all’avviso di controllo del carico e di stabilità longitudinale è suddiviso in tre sezioni:  verde, gialla e rossa, quando si raggiunge quest’ultima si blocca il braccio e sono permessi movimenti
solo di rientro. Un segnale acustico della giusta intensità avvisa l’operatore  quando si trova al limite massimo di sollevamento. Discreta visibilità all’anteriore e posteriore: il cofano è molto alto e sul lato destro aiutano gli specchietti. Sul joystick c’è anche il comando per lo sgancio idraulico delle attrezzature, forse collocato in una posizione non del tutto adeguata ai fini della massima sicurezza.

Motore

motore fpt agricoltura

Motorizzazione FPT, emissionata Tier 4 Final. Quattro cilindri per 4.485 cm3, che nel modello di punta erogano 121 Cv a 2.200 g/min in potenza nominale e una coppia pari a a 549 a 1.500 g/min. Il common rail aiuta nella movimentazione rendendo il motore reattivo. Il sistema di post-trattamento HI-eSCR evita l’Egr, e garantisce aria più fredda all’interno del motore.

Trasmissione

Farmlift nasce come serie quasi interamente powershift. Fa eccezione il più piccolo, il 525, dotato di trasmissione idrostatica. Per il top di gamma, invece, sono 4×3 i rapporti in avanti e  retromarcia, innestabili ovviamente sotto  carico, direttamente dalla leva multifunzione. Secondo Case IH, le prestazioni di trazione sono state incrementate del 30% rispetto ai modelli precedenti, un notevole passo avanti.

sollevatore telescopico nuovo case ih

Idraulica

Sul modello Case IH Farmlift 935 la pompa a ingranaggi è di serie, con una portata di 120 l/min mentre può essere richiesta quella a pistoni con circuito chiuso Load Sensing a portata variabile da 140 l/min, al pari con gli standard della concorrenza. Sono gestibili fino a 3 movimenti del braccio simultaneamente e in optional è possibile richiedere anche la sospensione per lo smorzamento delle vibrazioni.

PAROLA ALL’OPERATORE: Simone Fedeli

Case IH Farmlift ci è stato proposto dalla Concessionaria Olivari e ci è piaciuto sin da subito. Il Case IH Farmlift 935 è una macchina molto sensibile alla guida e in movimentazione. In generale una macchina semplice e molto intuitiva, sia per manutenzione sia per chi ci si mette alla guida la prima volta. Lo sterzo è buono e la trasmissione powershift è il compromesso migliore per movimentazioni rapide e per la possibilità di trainare rimorchi di balloni anche su strada, senza mettere a dura prova l’impianto idraulico. In azienda viene impiegato per qualsiasi tipo di operazione: dalla pulizia delle stalle al trasporto di fieno e alla sistemazione della paglia: è la macchina che utilizziamo di più e su cui lavoriamo numerose ore.

case ih farmlift