La semente aziendale che fa risparmiare. L’esperienza francese di Ci2T

La semente aziendale che fa risparmiare. L’esperienza francese di Ci2T

Per ridurre i costi variabili in azienda una delle soluzioni emergenti è quella di fare selezionare e trattare parte della granella raccolta per trasformarla in semente. Ecco come funziona questo processo di “reimpiego” del raccolto messo a punto da Ci2T

di Alessandro Aresi

È francese l’azienda che si è inventata una nuova formula di reimpiego della granella che si basa su una macchina che si occupa contemporaneamente di selezione e concia della semente. E il
fatto che l’azienda, la Ci2T, sia proprio francese non è un caso. Al contrario dell’Italia, che è ancora soggetta a forti restrizioni legislative, questa prassi si pratica da anni in numerose aziende agricole e su tutto il territorio nazionale. A seconda delle singole realtà agricole transalpine ci sono aziende costruttrici e macchine differenti, create con logiche distinte e che hanno funzionamenti anche molto diversi l’una dall’altra. Lo scopo è però unico: creare semente produttiva che abbia la più alta percentuale di germinabilità.

Ci2T ci ha aperto le porte per mostrare due diverse tipologie di macchine

La prima rientra all’interno della categoria sopra citata, di cui il costruttore in Lorena è venditore e utilizzatore (poiché vengono effettuati i servizi di trattamento del prodotto da parte dell’équipe aziendale). La seconda macchina operatrice differisce per la tipologia di lavoro eseguito perché il prodotto, che subisce una grossolana pulizia e una leggera calibratura, viene direttamente caricato sui camion e destinato alla trasformazione. Il progetto di Ci2T si caratterizza per alcune peculiarità rispetto a quelle della concorrenza, peculiarità che potrebbero rappresentare validi assi nella manica per renderla appetibile al mercato italiano sul mercato italiano dove è la tempistica a farla da pradrone nelle scelte aziendali. Prima di entrare nello specifico della macchina una premessa è d’obbligo: come abbiamo accennato in Italia sono in vigore legislazioni e procedure diverse da quelle attuate dall’azienda Ci2T, in quanto sul territorio nostrano,
ad esempio, solo coloro che sono certificati come produttori sementieri possono offrire servizi di questo tipo. Una normale impresa agricola può utilizzare solo prodotti concianti di tipo industriale, differenti da quelli applicati dall’azienda francese.

Abbiamo comunque deciso di raccontare questo progetto poiché rappresenta un’esperienza tecnica di interesse che è presumibile pensare possa essere introdotta in futuro anche nell’agricoltura italiana

gregoire dubois taineLa prima caratteristica che distingue dalla concorrenza il convoglio MX5.120, che pesa meno di 7,5 t ed omologato a 90 km/h,” ci introduce Grégoire Dubois-Taine, responsabile dello sviluppo progetti Ci2T, “è il selezionatore a doppia griglia, che permette di avere una griglia interiore per eseguire la calibratura e una esteriore che si occupa della separazione, per un totale di 11 m2 di superficie. Una superficie ampia in uno spazio molto compatto, per avere una produttività istantanea nettamente superiore a quello che il settore d’attività conosce. Un’importante caratteristica che contraddistingue le macchine Ci2T è quella per cui l’operatore non entra mai in contatto con il prodotto fitosanitario conciante: esclusivamente azionando comandi e valvole si può fare defluire il prodotto verso l’impianto di conciatura”.

La granella da pulire e conciare arriva, solitamente, da uno stock della raccolta: in ingresso viene prima pulita da un separatore ad aria; entra successivamente nel selezionatore per una calibratura e selezione di quella parte che verrà destinata alla trasformazione in granella. All’uscita dalle griglie un secondo separatore densimetrico elimina le restanti impurità e il prodotto pulito cade poi su un nastro che alimenta un sistema a pesa elettronica nella parte posteriore della macchina: ogni 15 kg di granella raccolta il nastro trasportatore si arresta e ciascun singolo lotto passa sotto a un iniettore ad ugello dove viene conciato. Questo metodo di pesatura elettronica garantisce il minimo margine di errore e una velocità tale da non rallentare tutto il ciclo dell’impianto.

Il processo si conclude con la miscelazione del prodotto fitosanitario e della granella per un migliore attecchimento e con l’invio della semente direttamente all’interno di bigpack.

L’impianto MX5-120 ha una produttività istantanea fino a 9 t/h per l’orzo e anche 11-12 t/h per il frumento, a seconda della qualità della granella in ingresso. Lo scopo dell’operazione è quello di ottenere semente pulita ad un costo più basso rispetto all’acquisto di semente certificata: in Francia la media del costo, variabile a seconda del prodotto conciante impiegato e dalla varietà acquistata, per la trasformazione della semente aziendale è dimezzato rispetto al prezzo di acquisto di semente certificata. Il risparmio all’ettaro è dunque evidente: oltre 30-40 €/ha che rimangono nelle tasche dell’agricoltore, anche se con un investimento alla semina leggermente superiore. In più è l’agricoltore che decide quali varietà lavorare e quindi seminare nella stagione successiva, svincolandosi da qualsiasi tipo di fornitura esterna almeno per quanto riguarda una parte della superficie agraria utile. Il trattamento conciante può essere fatto con diversi prodotti fitosanitari autorizzati (la legislazione tra Francia e Italia a riguardo è differente): protezioni fungine, insetticide, crittogamiche ed eventualmente applicare dei fertilizzanti starter. Anche in questo caso è l’agricoltore che fa la scelta a seconda delle proprie esigenze. “Grazie a questo tipo di impianto possiamo spostarci e installarci con elevata rapidità e non sono necessarie patenti addizionali oltre quella B/BE per essere perfettamente in regola su strada. Un altro vantaggio di cui siamo dotati rispetto alla concorrenza è il controllo diretto che abbiamo su tutti i parametri e le regolazioni della macchina: basta un tablet o uno smartphone per tenere il controllo ed effettuare tutte le variazioni dell’impianto fino ad un raggio di 15 m di distanza, così da seguire tutte le varie parti del processo con il tablet in mano”.

Ma l’azienda Ci2T non si avvale solo di impianti per selezionatura e concia della semente: dal 2017 sono iniziati test sulla nuova TM8000: un impianto di selezionatura ad alta capacità, fino a 60 t/h di produzione istantanea, per eseguire una grossolana pulizia del prodotto raccolto ed incrementare la qualità della partita di granella prima della sua spedizione

Si evita una perdita di valore dovuta alle grane più piccole o alle impurità. Con una veloce pulizia e una calibratura leggera si può incrementare il prezzo di vendita anche di 10-12 €/t, che tramutato in ettari si traduce in 60 €/h con una produzione di 5-6 t/h. Per l’agricoltore, l’interesse di compiere un’operazione di questo tipo è di riuscire ad inviare una partita che non sia soggetta ad alcuna riduzione di prezzo, valorizzando al meglio il raccolto della stagione. Nel caso dell’orzo si può incrementare la resa alla trasformazione e, ad esempio, per il girasole o la colza, eliminare parte dei residui di trebbiatura ed abbassarne così l’umidità. La TM8000 è disponibile al commercio a partire dal 2018 e sarà prossimamente anche con chassis stradale. Gli impianti sono utilizzati dall’azienda francese per offrire dei servizi, ma sono anche macchine destinate alla vendita e alla distribuzione per un diretto utilizzo dei professionisti.