Fiere Zootecniche Internazionali a ottobre a Cremona

Fiere Zootecniche Internazionali a ottobre a Cremona

Le Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona tornano nei padiglioni di CremonaFiere dal 24 al 27 ottobre 2018 con un programma ancora più ricco e un calendario fitto di appuntamenti che – quest’anno modo in particolare – faranno convergere a CremonaFiere il gotha mondiale dell’allevamento

La nuova edizione delle Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona svilupperà in modo trasversale e articolato eventi, dimostrazioni, workshop, approfondimenti e incontri

Protagonisti aziende, operatori e ricercatori che seguiranno i filoni della zootecnia di precisione e agricoltura digitale, delle produzioni biologiche, dell’economia circolare e della sostenibilità ambientale, delle bioenergie, delle tecnologie del settore lattiero-caseario, del benessere e longevità animale, della nutrizione e della filiera della produzione suinicola, oltre alle tradizionali mostre zootecniche.

Le Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona, fedeli alla qualifica di CremonaFiere come “ambasciatrice del Made in Italy” (conferita dal Ministero dello Sviluppo Economico) si pongono come promotrici del sistema e del modello agro-zootecnico italiano in una ottica internazionale, capaci di aprire nuovi spazi di business e attrarre l’interesse di operatori esteri. Una delle caratteristiche che differenziano le Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona dalle altre manifestazioni di settore è infatti un programma di internazionalizzazione per portare a Cremona gli operatori professionali più qualificati dai mercati più interessanti e che offrono maggiori opportunità di business per gli espositori. Nel 2017 sono giunte alle Fiere Zootecniche Internazionali delegazioni ufficiali provenienti da 16 Paesi: Argentina, Azerbaijan, Bulgaria, Croazia, Georgia, India, Iran, Kazakistan, Marocco, Moldavia, Polonia, Romania, Serbia, Tunisia, Turchia, Uzbekistan.

fiere allevamento cremona

Più di 800 i brand presenti, per oltre 100 eventi di carattere tecnico-scientifico, seminari e presentazioni distribuiti sui vari filoni: Fiera Internazionale del Bovino dal Latte, Rassegna Suinicola di Cremona – ItalpigExpocasearia, l’International Poultry Forum, BioEnergy e i nuovissimi Agrinnovation Summit e Watec Italy.  Oltre al caposaldo delle Mostre Zootecniche: l’esposizione al pubblico dei migliori animali allevati in Italia offre ogni anno spunti molto attuali di riflessione circa l’evoluzione della selezione delle razze bovine, con il confronto della più ampia platea di capi disponibili in esposizione. Ogni anno sono circa quattrocento i capi che vengono portati in esposizione nel ring allestito all’interno dell’area Fiere.

Molti degli appuntamenti in programma si svolgeranno all’interno di aree tematiche speciali: Milk Village, Bio Village, Techno Village, Bioenergy Village e Area Forum ospiteranno brevi workshop e seminari in cui anche gli stessi espositori avranno la possibilità di organizzare eventi e presentazioni.

trattori john deere cremona

Il debutto di Agrinnovation Summit

Agrinnovation Summit è realizzato con la collaborazione di alcune delle più importanti realtà scientifiche fra cui Wageningen University & Research Osservatorio Smart Agrifood del Politecnico di Milano e Università di Brescia, CREA Centro di ricerca Zootecnia e Acquacoltura, CRPA – Centro Ricerche Produzioni Animali, AITA – Associazione Italia di Tecnologia Alimentare.

Alla base d Agrinnovation Summit c’è un progetto che vede nello scambio di professionalità e competenze il principale motore e moltiplicatore di valore. Agrinnovation Summit si rivolge  alle aziende che vogliono crescere, rimanendo competitive su un mercato divenuto sempre più veloce in termini di innovazione e potenzialità di sviluppo tramite l’adozione di nuove tecnologie utili al miglioramento della forbice costi-benefici, dell’efficienza dei processi, della qualità e della tracciabilità dei prodotti. Che l’agricoltura 4.0 possa essere una variabile di straordinario sviluppo lo ha confermato il recente studio dell’Osservatorio Smart AgriFood, nel quale si prova come l’applicazione di tecnologie smart sia limitata a meno dell’1% delle superfici agricole coltivate. Il mercato italiano dell’agricoltura 4.0 sfiora i 100 milioni di euro (circa il 2,5% di quello globale), generati da oltre 70 aziende vendor, in parte tradizionali ed in parte emergenti, e rompe il trade-off tra efficienza ed efficacia, apportando benefici sia in termini di riduzione dei costi, sia in termini di qualità e resa.

Altra novità del 2018 è l’inserimento di Watec Italy

Si tratta di un appuntamento dedicato alla gestione delle acque e realizzato con i partner israeliani di Kenes Exhibitions e che, in quattro giornate, si articola in una parte convegnistica di livello internazionale e in una serie di meeting B2B pensati per far incontrare le aziende del settore e promuovere un dialogo fra chi ha un problema legato alle risorse idriche e chi propone soluzioni tecnologiche per migliorarne la gestione. Una scelta, quella di portare l’edizione 2018 di Watec Italy a Cremona, coerente con la visione integrata della filiera agricola e zootecnica che CremonaFiere adotta da tempo, riservando grande attenzione al tema delle bioenergie e dell’economia circolare all’interno di BioEnergy.

A Watec si parlerà di agricoltura sostenibile e corretta gestione della risorsa idrica (irrigazione, management innovativo delle colture, minime lavorazioni dei terreni, sviluppo di cultivar meno esigenti in termini di acqua), gestione dell’acqua in allevamento e gestione dei reflui zootecnici, problematiche legate all’impiego dell’acqua nei caseifici, nei macelli e nell’industria conciaria, distribuzione dell’acqua, trattamento delle acque per depurarle dai contaminanti chimici (residui di farmaci, nitrati, pesticidi, molecole di sintesi).