Società chiusa e morosità: l’avvocato risponde

Società chiusa e morosità: l’avvocato risponde

Rispondiamo alla domanda di un lettore che ci chiede se ci sia possibilità di rivalersi su una SRL, dichiarata società chiusa , in seguito al mancato pagamento di un canone d’affitto 

Gentile Avvocato, sono proprietario di un fondo che ho affittato ad una società agricola (SRL); da qualche tempo l’affittuario ha smesso di pagare i canoni accumulando una discreta morosità. Mi sono rivolto all’associazione coltivatori presso cui avevamo stipulato il contratto di affitto e mi hanno detto che la società è stata chiusa; cosa posso fare? Grazie, Lucio

Gentile lettore, per prima cosa le consiglio di fare una visura della società al fine di verificarne lo stato attuale; società chiusa potrebbe voler dire che la stessa è in liquidazione oppure che è cessata e cancellata dal Registro delle Imprese. Nel primo caso (liquidazione) la società è ancora esistente, non è attiva, ma “in liquidazione” appunto, e come tale dovrebbe ancora essere iscritta nel registro delle Imprese; questo vuol dire che Lei ben potrebbe chiedere i canoni non pagati, le indennità di occupazione, la risoluzione del contratto e quant’altro al liquidatore, esattamente come se la società fosse normalmente operativa. Il liquidatore, infatti, è il soggetto preposto all’amministrazione della società che deve liquidare, portando a chiusura tutti i rapporti pendenti. Nel caso in cui la società dovesse invece risultare cessata e cancellata dal registro delle Imprese, bisognerà innanzi tutto verificare se ci sono stati riparti tra i soci al momento della chiusura.

In caso affermativo, ci si potrà rivalere sui soci medesimi personalmente, nei limiti di quanto gli stessi hanno ricevuto in sede di riparto. In caso contrario, invece, oppure nel caso in cui i soci abbiamo ricevuto somme insufficienti a sanare la morosità della società, non si potrà far nulla se non chiederne il fallimento, anche se cessata e cancellata dal Registro delle Imprese, “riportandola in vita”, in persona del liquidatore; ma ciò solo entro il termine di un anno dalla sua effettiva cancellazione dal Registro delle Imprese.

Avv. Francesca Rufini

 

Vi ricordiamo che per domande e dubbi di natura legale potete scrivere a [email protected] A come Agricoltura vi garantisce la massima privacy e l’anonimato in caso lo desideriate