selezionare un paese
  I nostri marchi selezionare un paese
 

PSR: è corsa contro il tempo

PSR regioni italia

Sembra impossibile che un settore come quello agricolo - desideroso e bisognoso di innovarsi - non sappia trovare il giusto metodo per rendere finalmente efficienti i PSR. Anche quest’anno, infatti, a meno che si compia il miracolo dell’ultima ora, resteranno inevasi più di un miliardo di Euro. Si tratta di una cifra enorme, che di sicuro contribuirebbe a rimettere in sesto più di una realtà. Ma a dare ancor meglio il polso della situazione, vi è un altro dato, ed è quello relativo alla spesa effettuata durante il periodo programmatico 2014-2020. In questo lasso di tempo, infatti - a oggi - la quota di fondi disponibili realmente spesi è pari a un terzo dell’intera dotazione (che ammonta a oltre 20 miliardi di euro). Il che denota una capacità tutta italiana: l’incapacità di spendere gli stanziamenti che arrivano da Bruxelles. Ma perché siamo così spreconi?

È vero: la burocrazia spesso ci complica la vita, trasformando banalità in problemi complessi. Ma forse è giunto il momento di prendere atto della complessità delle scartoffie, affrontando di petto la situazione: è vero che le procedure sono complesse, ma è altrettanto vero che delle Regioni capaci di usufruire dei fondi PSR ci sono

Basti pensare alle Province Autonome di Bolzano e Trento, ma anche al Veneto, Emilia-Romagna, Umbria, Molise, Calabria e Sardegna. Tutte le altre regioni sono in gran ritardo, alcune hanno davvero un sacco di soldi da spendere, così come il PSR nazionale, che conta una dotazione di 93 milioni di euro che giacciono inutilizzati. Entro il 31 dicembre potrebbe farcela la Valle D’Aosta, che ha solo 4 milioni di Euro ancora in tasca. Sarà invece durissima per la Puglia, la Sicilia e la Campania, a cui avanzano - rispettivamente - 268, 178, 146 milioni di Euro. Seguono Basilicata (87 milioni), Lombardia (66 milioni), Abruzzo (58 milioni), Marche (53 milioni), Lazio (49 milioni), Liguria (44 milioni), Toscana (32 milioni), Piemonte (20 milioni), Friuli Venezia Giulia (16 milioni). Davvero possiamo permetterci di restituire al mittente un patrimonio così ingente?

Le domande di contributo per usufruire dei fondi destinati al PSR della propria regione sono informatizzate, il che significa che vanno presentate attraverso un portale. Ma, per accedere al portale, occorre registrarsi

la Lombardia, per esempio, permette di accedere al portale destinato alle domande PSR tramite Carta Regionale dei Servizi (CRS) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS). Ma per utilizzare le carte suddette, occorre avere un lettore (lo si può acquistare facilmente anche su Amazon). Una volta letta la carta e una volta che si è dentro al portale, si può finalmente compilare la domanda: il tutto rigorosamente online (occorre dunque essere in possesso di una connessione “seria”). Poiché la domanda è informatizzata, è necessario apporre la la firma digitale sui documenti. La firma digitale la si ottiene - più o meno facilmente - andando in Regione muniti della propria carta dei servizi. Verrà rilasciato un codice, quello servirà per la firma digitale. Naturalmente, poiché il tutto deve essere tracciabile, occorre essere in possesso (è obbligatorio!) di un indirizzo di posta certificata PEC. Creare un indirizzo di posta certificata non è molto costoso e nemmeno difficile, ma occorre un po’ di pazienza per i tempi tecnici. Le regioni prevedono un servizio si assistenza telefonico, ma spesso non basta: per sfinimento, sono molti coloro che rinunciano a chiedere i fondi.

  A come Agricoltura Archivio
Agritechnica 2019: John Deere e Volocopter collaborano allo sviluppo di droni da trasporto
John Deere e Volocopter presentano ad Agritechnica 2019 il primo drone di grandi dimensioni adattato a utilizzi in ambito agricolo. ...
Per saperne di più
Allevamento Frisia: un open day grazie a SOP, Sgariboldi e Inseme
Il prossimo 13 novembre l’ Allevamento Frisia di Bertonico (LO) aprirà le sue porte ai colleghi allevatori per una giornata di confronto e approfondimento. ...
Per saperne di più
Valtra e Yara per prodotti lattiero-caseari a emissioni zero
Valtra sta collaborando con l'azienda di fertilizzanti Yara in un progetto che mira a ottenere una riduzione significativa degli impatti ambientali della produzione di carne e latticini e una maggiore produttività della produzione di prati. ...
Per saperne di più
Argo Team campione di Tractor Pulling per la 14esima volta
Con un en plein di 6 vittorie su 6, Argo Team, squadra ufficiale di Argo Tractors, si è laureato campione italiano di Tractor Pulling 2019 nella categoria Pro Stock ...
Per saperne di più
Fiere Zootecniche 2019 al via a Cremona
Si apre dal 23, e fino al 26 ottobre, la nuova edizione delle Fiere Zootecniche. ...
Per saperne di più
PSR: è corsa contro il tempo
A oggi la quota di fondi disponibili realmente spesi è pari a un terzo dell’intera dotazione (che ammonta a oltre 20 miliardi di euro). Il che denota una capacità tutta italiana: l’incapacità di spendere gli stanziamenti che arrivano da Bruxelles. ...
Per saperne di più
Focus sulle seminatrici Arbos da cereali
Per la prossima stagione l’attenzione di Arbos è puntata sulla linea di seminatrici da cereali, sia meccaniche che pneumatiche, sviluppata grazie al prezioso know-how di MaterMacc. ...
Per saperne di più
New Holland T8 GENESIS: potenza motrice e... digitale
In arrivo il nuovo trattore New Holland T8 GENESIS dotato di sistema Precision Land Management (PLM) Intelligence, la piattaforma di New Holland per l'agricoltura di precisione ...
Per saperne di più
Campagnola Starberry MD1 per il mirtillo
Il kit dello scuotitore elettrico è composto da una batteria al litio, caricabatteria e valigetta per il trasporto ed uno zainetto ergonomico portabatteria utilizzabile per altre attrezzature Campagnola ...
Per saperne di più
Pneumatici forestali Alliance, le novità
L’ultimo arrivato nel portfolio ATG per il settore è Forestar 644, concepito per forwarder e raccoglitrici. ...
Per saperne di più