selezionare un paese
  I nostri marchi selezionare un paese
 

Mercato macchine agricole usate

Una macchina su due è usata


Secondo FederUnacoma, l’età media del parco trattrici si attesta intorno ai 25-27 anni.


Il mercato dell’usato si conferma florido, con il doppio delle vendite rispetto al nuovo. La macchina agricola usata tipo ha potenza bassa ed età alta. Il grande tema della revisione

Déjà-vu per il mercato delle trattrici usate che, anche nel 2018, come oramai di consueto, è risultato in crescita, passando dalle 35.200 unità del 2017 alle 37.807 unità (+7,4%). Il che evidenzia una differenza sostanziale negli andamenti del mercato del nuovo e del mercato dell’usato: nel 2018 sono state vendute 18.442 trattrici nuove e 37.807 trattrici usate - dunque più del doppio - per un totale di 56.249 macchine. Analizzando i trend degli ultimi cinque anni, si riscontra una stabilizzazione delle trattrici nuove intorno alle 18.000 unità - solo il 2017 era stato leggermente drogato per via della Mother Regulation, che aveva fatto oltrepassare la soglia delle 22mila unità - mentre la vendita delle trattrici usate, dal 2014 ad oggi, è cresciuta sempre e in maniera costate, tanto da registrare un notevole +52,7% dal 2014 al 2018. Come già rilevato in passato, il mercato dell’usato interessa soprattutto le macchine di bassa potenza: oltre il 60% delle macchine usate vendute nel 2018 ha una potenza inferiore a 57 kW, mentre per le macchine nuove la tendenza è opposta. Il che, naturalmente, se mai ce ne fosse bisogno, consegna un identikit preciso di colui che si rivolge al mercato dell’usato: trattasi di quella fascia di agricoltori con appezzamenti di terreno medio piccoli che, va sottolineato, in Italia è la maggioranza.



La vendita delle trattrici usate ha registrato un incremento del +52,7% dal 2014 al 2018.


L’usato di per sé non rappresenterebbe un problema, se non ci fossero importanti ricadute in ordine alla sicurezza: è inquietate rilevare che delle quasi 38.000 macchine usate vendute nel 2018, circa il 70 per cento è rappresentato da macchine immatricolate prima del 2000. Il che significa che si tratta di macchine che hanno compiuto, o compiranno a breve, 20 anni di età. E 20 anni fa, gli accorgimenti in tema di sicurezza non erano certo quelli di oggi. E’ chiaro che un mercato dell’usato così dinamico allontana la possibilità di svecchiare un parco macchine particolarmente obsoleto come quello italiano. Non si dimentichi, infatti, che dei circa 2 milioni di trattrici circolanti, solamente l’11 per cento ha un’età uguale o inferiore ai dieci anni e pertanto, conti alla mano, il restante 89 per cento del parco trattrici è costituito da macchine con più di un decennio alle spalle. Di più: secondo FederUnacoma, l’età media del parco trattrici si attesta intorno ai 25-27 anni. Il che impone una riflessione su almeno due livelli: sul fronte della sicurezza, vien da sé che trattasi di macchine potenzialmente pericolose. Sul fronte della sostenibilità ambientale, emerge che il grosso delle macchine agricole circolanti in Italia non è soggetta a limiti di emissioni. Ma nonostante i due temi appena richiamati - sicurezza e ambiente - siano particolarmente sentiti, le previsioni per il futuro continuano a non essere confortanti: nel 2019 è confermata la tendenza sempre crescente all’utilizzo di macchine di seconda mano a discapito di quelle nuove. I dati riferiti ai primi cinque mesi dell’anno vedono un quantitativo di 19.590 trattrici usate vendute in Italia fino a maggio - dunque già più delle prevedibili 18mila unità del nuovo - con un incremento rispetto allo stesso periodo del 2018 del 5,9 per cento. Un dato su cui è giusto e necessario riflettere, se si pensa che supera di oltre mille macchine il totale delle immatricolazioni di trattrici nuove registrate nei dodici mesi del 2018 (18.494 unità). Insomma, anche per il prossimo anno il fenomeno usato non sembra destinato ad arrestarsi.


La revisione è ancora un miraggio

Revisione: Un tema molto discusso e controverso

Strettamente connesso al tema delle macchine agricole usate (e vetuste), quello della revisione dei trattori e machine agricole con targa. Un tema molto discusso e controverso, perché nonostante sia sul tavolo di tecnici e politici da parecchi anni, non trova un conclusione. Tanto che, al momento, in seguito all’ennesimo rimando, la prima data utile per la revisione delle macchine più vecchie (immatricolate entro il 31 dicembre 1983, il che significa che sono macchine già o quasi negli anta) è il 30 giugno 2021. Naturalmente al momento non c’è nulla di certo, perché a quanto pare manca la firma all’ultimo decreto attuativo. Si tratta di una questione politica e non tecnica, ma comunque non è detto che da qui a un anno e mezzo si possa brindare alla prima avvenuta revisione. Se tutto dovesse essere confermato, comunque, queste le scadenze precise: veicoli immatricolati entro il 31 dicembre 1983: revisione entro il 30 giugno 2021; veicoli immatricolati dal 1° gennaio 1984 al 31 dicembre 1995: revisione entro il 30 giugno 2022; veicoli immatricolati dal 1° gennaio 1996 al 31 dicembre 2018: revisione entro il 30 giugno 2023; veicoli immatricolati dopo il 1° gennaio 2019: revisione al quinto anno entro la fine del mese di prima immatricolazione.




Pubblicato su martedì 4 febbraio 2020
Categoria: attualita
  A come Agricoltura Archivio
Mercato macchine agricole nuove
Nel 2019 l’Italia, che si conferma al terzo posto della classifica, è cresciuta con un ritmo inferiore rispetto agli altri big, Francia e Germania. ...
Per saperne di più
Tecnologia in Microgranuli
Valagro mette a disposizione degli agricoltori una gamma di biostimolanti con sostanze attive di origine esclusivamente naturale, che stimolano in modo mirato i principali processi fisiologici della pianta, promuovendone la crescita e la produttività. ...
Per saperne di più
Fendt 1100 MT: Potenza ed efficienza in tutte le situazioni
Il Fendt 1100 MT è azionato da un motore diesel AGCO Power a 12 cilindri. ...
Per saperne di più
McCormick: Cavalli su. Emissioni giù
Cresce in potenza la serie X7.6 di McCormick e si adegua al quinto step delle emissioni. ...
Per saperne di più
CASE IH: Axial-Flow® Serie 150
La serie di mietitrebbiatrici Case IH Axial-Flow® 150 è composta da tre modelli ...
Per saperne di più
Fendt: Per uno spandimento migliore
Con lo spandi-voltafieno Twister, Fendt punta in alto, creando un attrezzo funzionale e veramente robusto. ...
Per saperne di più
Syngenta: Nuove soluzioni per il diserbo del mais
L'obbiettivo di Syngenta è quello di valorizzare la produzione maidicola nel suo complesso migliorando la produttività delle aziende agricole del nostro Paese. ...
Per saperne di più
Kelly Engineering: L'efficacia delle catene
L'esclusivo sistema di lavorazione del terreno Kelly a forma di diamante offre una vasta gamma di catene di dischi con innesto a terra per soddisfare le vostre esigenze di lavorazione leggera tutto l'anno. ...
Per saperne di più
Telescopici, un’ottima annata
Il mercato dei sollevatori telescopici si conferma positivo e in crescita. (Articolo a cura di Cristian Furini) ...
Per saperne di più
Antonio Carraro Tony 8900 V: Inedito a telaio classico
Il Sitevi, è stata l'occasione per il costruttore padovano, per presentare l’AC Tony 8900 V con struttura convenzionale ...
Per saperne di più