selezionare un paese
  I nostri marchi selezionare un paese
 

JCB RISPONDE ALL’APPELLO NAZIONALE PER SOPPERIRE ALLA CARENZA DI RESPIRATORI


JCB offre un aiuto concreto riaprendo una fabbrica riaprendo la produzione in una fabbrica


JCB ha risposto all’appello lanciato dal Primo Ministro Boris Johnson per sopperire alla carenza di respiratori e per salvare le vite dei pazienti affetti dai Coronavirus. Il presidente JCB Lord Bamford ha offerto il proprio aiuto ed ha immediatamente mobilizzato un team di ricercatori ed i ingegneri per esaminare le possibilità di intervento.

JCB è pronta a riattivare la produzione in una fabbrica chiusa da circa due settimane a seguito della crisi del Coronavirus. Anziché produrre cabine per le macchine JCB, il sito è stato momentaneamente riconvertito per la produzione della speciale scocca in acciaio per un respiratore ideato dalla Dyson dal design completamente nuovo. Non appena Dyson riceverà l’approvazione dalle autorità al suo prodotto, saranno messi in produzione da JCB un minimo di 10.000 pezzi della speciale scocca. I primi prototipi sono stati consegnati a Dyson dopo avere riconvertito la linea di produzione della nuova fabbrica di cabine di Uttoxeter, Straffordshire, stabilimento che Boris Johnson ha visitato durante la recente campagna elettorale. Il 18 marzo la fabbrica in questione, insieme ad altri 8 siti produttivi JCB nel regno Unito, è stata fermata della crisi del Coronavirus. Ora, nel giro di pochi giorni la fabbrica potrebbe riaprire per la messa in produzione dello speciale componente per respiratori.



Lord Bamford, Presidente JCB

Il presidente JCB Lord Bamford ha dichiarato: “Quando siamo stati contattati dal Primo Ministro eravamo determinati, come azienda britannica, ad aiutare in qualsiasi modo ci fosse possibile. Questo progetto è passato dal design alla produzione in pochi giorni, e sono lieto del fatto che siamo stati in grado di dispiegare le competenze dei nostri talentuosi team ingegneristici, di design e di produzione in così poco tempo ed in un momento di crisi nazionale. Questa è anche una crisi globale, naturalmente, e noi siamo pronti ad aumentare la produzione di scocche qualora questi respiratori venissero richiesti anche da altre nazioni”.


La risposta di JCB all’appello alla mobilitazione nazionale vedrebbe tornare al lavoro circa 50 dipendenti. JCB aveva sospeso la produzione dei suoi nove siti produttivi e le attività degli uffici almeno fino alla fine di aprile, un’azione che ha interessato la quasi totalità dei 6.500 lavoratori sul suolo britannico. La società sta corrispondendo ai dipendenti circa l’80% del loro stipendio base. I dipendenti che ritorneranno al lavoro per produrre le scocche dei respiratori verranno retribuiti al 100% della loro normale paga.


Note su JCB

JCB ha 22 stabilimenti distribuiti in quattro continenti: undici nel Regno Unito, gli altri in India, Stati Uniti, Brasile e Cina. JCB, che nel 2020 festeggia il suo 75° anniversario, è di proprietà della famiglia Bamford. Il Presidente Lord Bamford è il primogenito di Mr JCB, Joseph Cyril Bamford. L’azienda produce oltre 300 diverse modelli tra cui terne, movimentatori telescopici, escavatori cingolati e gommati, pale gommate, mini escavatori, minipale, dumper articolati, carrelli elevatori fuoristrada, attrezzature per compattazione. JCB produce per il settore agricolo una gamma di movimentatori telescopici e l’esclusivo trattore Fastrac ed inoltre, per il settore industriale, i carrelli elevatori Teletruk.



Pubblicato su mercoledì 1 aprile 2020
Categoria: attualita
Tags : jcb
  Tags
jcb
  A come Agricoltura Archivio
A come Assistenza
Strategie per fronteggiare le conseguenze psicologiche del COVID-19 ...
Per saperne di più
Lavoro nei campi sotto la lente
Nasce lo sportello che permette di fare incontrare domanda e offerta. ...
Per saperne di più
CAMALEONTE IN AZIONE
La versatilità di un singolo attrezzo può essere elevata, ma è difficile avvicinarsi a ciò che il System Cameleon, in un unico telaio, è in grado di effettuare. ...
Per saperne di più
Combi 8200, produttività garantita
Semovente e di grosse dimensioni, la macchina di Sgariboldi promette affidabilità operativa e redditività ...
Per saperne di più
Copa e Cogeca invocano intervento della Commissione UE
Covid19 e le tante ripercussioni su ogni settore, in particolare sulla filiera agrolimentare, anche quella che dagli allevamenti arriva diretamente alle attività di ristorazione ...
Per saperne di più
Cambio-gomme per sfide estreme
Non solo agricoltura. ...
Per saperne di più
Eima Bologna: a febbraio 2021
L’emergenza coronavirus è tutt’altro che risolta. ...
Per saperne di più
L’alta potenza… veste il cingolo!
Due serie di trattori ad alta potenza molto differenti tra di loro, due tipologie di cingolatura differenti, il tutto accomunato dallo stesso marchio. ...
Per saperne di più
Regina nell’efficienza
Si chiama New Holland BigBaler 1290 High Density l’”ammiraglia” per balle quadre in giallo che promette efficienza e produttività a tutto campo ...
Per saperne di più
MASSEY FERGUSON 7720S DYNA-VT: Sostanza ed equilibrio
A metà strada tra i 100 e i 300 CV, con caratteristiche di potenza pendenti verso macchine della categoria superiore ma un’agilità spiccata rientrante sicuramente nella categoria inferiore. ...
Per saperne di più